Percezione in grembo al volto

la coscienza in grembo agli altri
nelle palpebre di luce
nel destino d’un pensiero
che si mischia con la nebbia

mentre l’ego inspira voci
che l’inconscio si divora
apparenti, dissolventi...

al rintocco del presente
ogni evento si trasforma
al risveglio si profuma
d’un’essenza sconosciuta

l’innocenza ne è sipario
la dolcezza il suo mantello
la meccanica perfetta

dell’incredula contesa.